http://www.ilgigantedelmediterraneo.it

IL GIGANTE DEL MEDITERRANEO

SITO DEDICATO ALLA PETROLIERA HAVEN

 

  MUSEO MUVITA 

Ad Arenzano GE, si trova il Museo Vivo delle Tecnologie per l'Ambiente (Mu.Vi.T.A.) molto particolare, altamente tecnologico, ma sicuramente unico nel suo genere  perchŔ Ŕ l'unico museo al mondo ad avere dedicato una sala espositiva alla petroliera HAVEN. In uno stabile magnifico per la sua architettura pre industriale, risalente al 1640 circa, conosciuto ad Arenzano, come la filanda. Ma molto ben restaurato e  conservando tutta la sua bellezza, troviamo una sala al primo piano dello stabile, dedicata interamente alla petroliera HAVEN.

Grazie all'alta professionalitÓ dello staff che accompagnano e guidano la visita al museo Ŕ possibile scoprire molti particolari del disastro della HAVEN.

Si possono vedere due plastici molto ben fatti i quali raccontano, il primo, tutto il percorso fatto dalla petroliera in seguito allo scoppio dell'incendio, mentre si trovava ancorata in rada a Genova, sono segnate le fase pi¨ importanti del disastro ( vedi foto a fianco ) dall'inizio dell'incendio punto 1 e 2, alla deriva della nave, l'aggancio da parte dei rimorchiatori punto 3, la perdita del troncone di prua punto 4 a -490 metri e il posizionamento della nave nel punto voluto per poter eseguire i lavori di bonifica punto 5, per arrivare al punto preciso dell'affondamento punto  6 a -80 metri.

 Mentre nel secondo plastico Ŕ possibile vedere un modello della nave, in scala, nelle condizioni che si trova attualmente in seguito all'affondamento. Questo plastico pu˛ essere un validissimo aiuto per chi intende fare delle immersione sulla petroliera HAVEN, perchŔ Ŕ possibile avere una visione totale della nave, cosa quasi impossibile per un subacqueo durante un'immersione sul relitto.

Vi si trova inoltre uno dei robot telecomandati, con i quali sono stati fatti i primi rilevamenti sia sul troncone principale della nave che si trova adagiato su un fondale di -80 metri che del troncone di prora adagiato su un fondale di -490 metri e oggi utilizzato per eseguire dei periodici monitoraggi.

Grazie a una serie di monitor Ŕ possibile visitare virtualmente il troncone principale della nave, guardando dei filmati fatti durante alcune immersioni al cassero della stessa.

Foto del plastico che riproduce il percorso della petroliera, durante il disastro. si possono seguire tutte le fasi del disastro.

 

Foto del modello della HAVEN esposto al museo MUVITA, fantastico particolare del cassero di poppa, in questo modello Ŕ riprodotta la nave prima del taglio del fumaiolo e dell'albero dell'antenne.

Foto del modello della HAVEN esposto al museo MUVITA, si vede lo squarcio della fiancata di sinistra in corrispondenza della cisterna 4P.

Foto del modello della HAVEN esposto al museo MUVITA, si vede la nave dall'alto a prora, dove manca tutto il troncone.

Foto del modello della HAVEN esposto al museo MUVITA, si vede la nave di prora dove manca il troncone, inabissato a -490 metri.

Foto del modello della HAVEN esposto al museo MUVITA, si vede la nave dall'alto di poppa mentre Ŕ monitorata dal robot subacqueo Phantom.

Museo MUVITA, fantastica struttura della prima metÓ del 1600, fantasticamente restaurata.

 

Foto del robot subacqueo PHANTOM, utilizzato per il monitoraggio della nave.

 

 

Museo MUVITA, la gentilissima Paola integrante dello staff del museo, vicino al robot subacqueo per valutare la grandezza di una macchina del genere.

Tutte le foto sono state realizzate dall'autore del sito, grazie alla gentile concessione del Museo MUVITA.

indietro    avanti